DARKNESS DREAM

Bentornati mie cari, oggi come sarà per ogni sabato della satimana (causa imprevisti), una nuova pubblicazione. L’argomento di cui mi accingo a scrivere è il concetto di vita e di crescita. Sono tutto sommato concetti entrati negli schemi mentali comuni, sicuramente in termini biologici o forse in termini sociali. Ebbene io mi occuperò di spiegarlo in termini letterari e sopratuto poetici. Moldamati nel corso del tempo, dai tempi della civiltà classiche fino ai contemporanei, si sono cimentati a parlarne, perchè indubbiamente è un argomento che affascina. Il mio desiderio poetico ad un certo punto della mia carriera, mettiamola così, anche se io preferisco sempre descriverla come un percorso interiore di evoluzione e di crescita, mi ha portato a chiedermi cosa fosse la vita, la nascita, la crescita biologica, dal punto di vista emotivo spirituale, quale gioa potessi effettivamente constatare, in questi aspetti legati alla maternità, al gioco, analizzando questi aspetti da osservatore esterno ma attivo, non sono madre e non ne ho desiderio di esserlo, ma voglio partecipare e condividere in termini emotivi e poetici, questi volti della vita. Amo i bambini, il loro essere ignari di pregiudizi, debolezze umane, infferenza, mancanza di empatia. Vivono e trasmetto allegria attraverso il gioco e i sorrisi. Quando scrissi ” Darkness dream”, neanche il titolo venne in modo casuale: si parla di oscurità, perhè per me la notte rappresenta, la maternità la protezione, la luna, ed è un sogno perchè assieme all’immaginazione, alla creazione di immaginari straordinari, la fantasia, rappresenta il mondo della fanciullezza. Andando più nello specifico della poesia vi è la descrizione di questo ambiente dalle fattezze fatate, condiviso da questa coppia madre- figlio, in seguito si conduce una riflessione sul concetto di vita e di nascita in termini puramente poetici. Infine ancora una volte dedico qualche riga di riflessione per una persona a me molto cara, che ora non c’è più ma che veglia dell’alto con grande enfasi.

Vi lascio quindi alla lettura, sperando che sia di vostro gradimento.

Sempre vostra, Storyteller ❤

 

DARKNESS DREAM

 

Risuonava nella sera umida

l’aria canora di fronde al vento

e zigoli in volo,

dove rugiada si posava dolce

come ali di fata

e spandeva fumo perlaceo frescoacqua

di velluto primaverile,

che veste di pace l’avvenire del tempo

e il pensier di magia.

Quella stessa che vidi nei suoi occhi scuri

pieni di innocenza

che lascia l’emozione al fato

e non alla ragione.

Che piccola gioia,

crebbe in ventre

e prima ancora nell’anima,

di cui tenni fragili i rosei palmi

e accarezzo la seta

con le lacrime di speranza

e il sorriso della felicità.

Così volgo lo sguardo al cielo

e invoco la luna,

che ci avvolga

e ci renda immune al dolore.

cuoreE mi guardi e ti guardo

nel ludico brandire di braccia

tra le lucciole

e le acque limpide di ruscello.

Ripensando a quella notte

che gioì del sogno creato

pieno di passione,

lasciò il sapore della bontà

creò la vita

e la fece germinare

come gracile arbusto.

E poco volle il tempo,

che diventasse

fiore dai petali argentei

tanto raro,

da sfiorar di

labbra, nell’amore immenso.3d_dark_moon

E quando finalmente ti strinsi

feci giaciglio per farti riposare

cosparsi stanze di essenze

e farfalle colorate,

suonai la morbida cetra

e la gente accorse

per vedere il motivo di tanto zelo.

Tu,

che tanto buono eri,

ora trionfi dal cielo

dove voli beato

e scagli le frecce d’amore.

Hai mescolato le carte della vita,

lasciando un asso di cuori.

Il mio sognar rimarrà eterno

e grata infinitamente.

per il nostro passato,

ora e per sempre.

Che tu possa trovare pace,

angelo meraviglioso,

che il tuo pensier solo,

lacrima sul viso.